L’ho scoperto da poco e ne sono già un discreto estimatore. Scoperto per caso mentre cercavo, su Youtube, dei video sui massaggi alla schiena, mi si è aperta una porta verso un mondo dapprima inesplorato e sconosciuto quando ho trovato il mio primo video ASMR. Potrei che quasi è diventato un piccolo hobby al margine, qualcosa che stà diventando di uso frequente, non dico quotidiano, ma quasi, sopratutto alla sera, prima di addormentarmi. Uno strumento indirettamente personalizzabile grazie al quale si può davvero ottenere l’obiettivo che questa particolare tecnica cerca di farvi raggiungere. Ma cos’è, esattamente, l’ASMR?

Avete presente i cosiddetti grattini della mamma? Sicuramente. Ecco, pensate a quando la mamma vi grattava (o vi gratta) la schiena. A quando le sue mani vi procuravano dei tingles, delle sensazioni di brivido piacevole che coccolavano la vostra mente e vi rilassavano completamente, accelerando il vostro sonno pre-notturno. Ora che avete pensato ai mitici grattamenti sulla schiena di mamma o nonna, avete fatto bingo. L’ASMR è un estensione dei famosi e antichi grattini sulla schiena, con nuovi accessori e nuove tecniche, allargato ed espanso nei suoi metodi. L’ASMR è un evoluzione del grattino, che oggi può essere fatto mettendo su campo una pletora di metodologie differenti, in virtù del rilassamento mentale che si cerca di far raggiungere all’utente. Le tecniche sono numerose e ognuno può personalizzarle a piacere. La risposta neurologica capace di rilassare è l’effetto che si desidera raggiungere. Andiamo ora a sviscerare l’argomento, procedendo con ordine.

1. Cos’è

ASMR stà per Autonomous sensory meridian response, in italiano risposta autonoma del meridiano sensoriale. Questa nuova tecnica sensoriale è capace di un autentico intervento sul cervello, un intervento con capacità effettive di rilassare e “spegnere” ogni frequenza “razionale” che vive in voi, portandovi ad abbandonarvi completamente nella culla del relax, psicologico e fisico. Questa sorta di approccio fisico che si relaziona con il vostro corpo, comprende un ecosistema di tecniche che aiutano a sollecitare i vostri sensi, sviluppando un formicolio lungo la schiena, il cuoio capelluto e le spalle e un completo e pieno rilassamento nei confronti di chi la sperimenta. ASMR è, riassumendo, una tecnica capace di sviluppare una sensazione fisica, temporanea e capace di invadere una parte del corpo, raggiungibile tramite le tecniche “pratiche” messe in atto dall’autore.

2. L’obiettivo

Il suo obiettivo è di farvi rilassare; di non farvi pensare; di evitare di farvi conversare con dei brutti pensieri; di farvi ottenere un rilassamento completo e soddisfacente, capace di donarvi un momento limitato di relax. Egli puo’ anche cercare di farvi addormentare, per chiunque ne avesse bisogno, aiutandovi a spegnere il cervello quando questo sembra non zittirsi mai. Ideale come soluzione per chi soffre di insonnia.

3. Le tecniche

Vi sono un grande numero di soluzioni che si possono adoperare quando si fà ASMR, e che l’artista ASMR di turno può usare come strumenti per mettere in atto il suo personale servizio ASMR, che svolgerà a modo suo, come meglio preferisce, personalizzandolo. Andiamo a vedere le principali tecniche esistenti.

  • Whispering – sussurrare. Parlata soft e dolce, scandita in modo fluida e a basso volume. Una delle tecniche fondamentali e più implicitamente logiche. Qualsiasi cosa vogliate fare con l’ASMR, qualsiasi soluzione vogliate adoperare, se dovete parlare ricordate di farlo sotto voce, bisbigliando con delicatezza. Portate con voi il whispering, sempre e comunque, se durante il vostro servizio ASMR deciderete di parlare.
  • Smoothing – la tecnica essenziale, la mia preferita, la più apprezzata dai più. Significa lisciare. Con lo smoothing si mette in atto la risorsa agognata nonchè la più desiderata, ovvero il “lisciamento”. Si può fare ovunque; su oggetti, nei capelli, sul corpo. E’ fenomenale quando, ovviamente, viene fatta sulla nuca, sui capelli e sulle spalle. Si può fare anche su niente. Basta simulare il gesto con le mani, dinanzi il video (nel caso si venga ripresi), che il cervello riceve l’informazione simulata e l’effetto fisico che si trae è palpabile. Anche se questa tecnica è più affine a quello che si definisce “hand movement”. Lisciare, nell’ASMR, procura piaceri sensoriali deliziosi.
  • Nail tapping – il ticchettio delle unghie, o semplicemente delle dita, su un determinato oggetto. Letteralmente, stà per “unghie che picchiettano”. Generalmente, viene fatto su prodotti quali profumi o prodotti generici da bagno. Non è nelle mie tecniche sensoriali preferite e non incrementa di molto i tingles suscitabili (parlo personalmente). In linea di massima, sopratutto quando voglio addormentarmi, scelgo video che non mettano in atto questa tecnica.
  • Scratching sounds – come sopra, solo che le unghie, anzichè picchiettare, strisciano, prevalentemente su una superficie dura o ruvida. Quanto e dove strisciano, e la misura data al peso che le unghie eserciteranno sulla superficie, è sempre a carico dell’artista di turno. Spetterà a lui deciderlo. Ci sono poi tante varianti connesse a queste due soluzioni. Ad esempio, pensate allo scratching che si può esercitare sul microfono per la presa audio…magari con un pennello!
  • Show and tell – ovvero, mostra e racconta. L’autore vi mostrerà una serie di oggetti e ve ne parlerà, comunicando sottovoce e in modo cadenzato. Questa tecnica è un’interessante idea di concetto con la quale si può idealizzare una possibile direzione da dare al proprio video. In piu, se ad esempio si vuole mostrare e raccontare usando dei libri, si possono poi mettere in atto tante sfumature e tante addizioni ASMR, in aggiunta.
  • Role-play – l’artista interpreta un ruolo e gioca a recitarlo, in modo credibile (si spera). Può fare il barbiere o il medico, l’amico o la sorella, o altro. Generalmente uno dei role-play più quotati su Youtube è il barbiere, tantè che và molto forte, nella tendenza della domanda, il barber shop shave-for-man role-play. Ovvero, autori che simulano la rasatura della barba, adoperando una serie di strumenti da barbiere/parrucchiera nonchè tecnologie avanzate per il ricavo del suono e la registrazione sia audio che video. Se volete addormentarvi, ascoltate un video basato sul role-play del barbiere. Fenomenale!
  • Pouring – letteralmente, scrosciare. Quando scrosciate l’acqua. Si può, ovviamente e come tutto, fare a proprio modo, pur con i dovuti limiti naturali. In modo soffice e contenuto, l’acqua che viene riversate genera un certo brivido rilassante alquanto piacevole. Mettiamo che state usando una brocca d’acqua ed ecco che potreste fare, ad esempio, del tapping, con le unghie.

Di varianti annesse e connesse ce ne sarebbero molte e di cose che si possono fare, variegando e personalizzando la forma, partendo sempre dai metodi basilari, ce ne sono a bizzeffe. Potete sbizzarrirvi usando queste tecniche a vostro modo, personalizzando ogni idea, usando la creatività e la fantasia “razionale”. Potete divertirvi nel concepire nuove variabili collegate ad ogni tecnica. Basta essere seri e professionali, anche nel vostro piccolo.

4. Cosa ci vuole se si vuole fare ASMR (con o senza video)

  1. Bravura/passione: la bravura e la passione nell’attuare le tecniche possibili. Bravura mentale, manuale, fisica. Bravura nel muoversi, nel fare in modo credibile e rilassato ogni gesto ed ogni movimento, bravura nel rilassare. Siete voi che dovete rilassare, ricordatevelo! Se sarete indecisi e insicuri, il vostro servizio (sia con o senza video) sarà un blooper continuo, rivelandosi fallimentare.
  2. Tecnologie/apparecchiature: se volete fare video, oltre al punto uno, ci vogliono anche le tecnologie adeguate, per l’audio e per il video. Avrete quindi bisogno di un microfono e di una camera. Basta partire dall’essenziale permettendosi quel poco che basta per iniziare. Avrete bisogno di strumenti audio perlomeno discreti, necessari per registrare il suono, ricavando ogni dettaglio nel modo più pulito e fedele possibile al suono sorgente. Se non potete permettervi un microfono che vi garantisca questo livello, prendetene comunque uno perlomeno discreto. Anche la camera per la registrazione video, come detto, conta. Non dico che dovete avere uno studio, ma una buona camera è quello che ci vuole per una registrazione dell’immagine perlomeno sufficiente. Non vorrete presentare il video a 380p, tutto sgranato e con un audio pietoso, vero?
  3. Soldi: se volete procedere col punto due, allora avrete bisogno di un budget economico. Questo per permettevi tecnologie audio/video quanto più ottimali possibile. Maggiore è il budget, più avanzata è la tecnologia, migliore sarà la qualità video/audio, con certe conseguenze sul riscontro del video.

E’ inevitabile che chiunque voglia fare “carriera” su Youtube avviando un proprio canale e producendo video a tema, deve avere delle apparecchiature adeguate, perlomeno sufficienti, per la codifica del suono naturale, evitando quanto più possibile di registrarlo comprimendolo, evitando così di far subire delle perdite ai dati sonori ricavati. Come detto, migliori e più avanzate sono le apparecchiature utilizzate, migliore sarà la qualità del suono, che si presenterà naturale, compresso senza perdite (loseless), pulito e ricco di dettagli. Questo se si vuole raggiungere un certo livello di qualità professionale nei propri video. Bisogna poi produrre con costanza, fare video con regolarità, essere competitivi e proporre video di un certo livello, presentandosi bene, curando ogni dettaglio tecnico che metterete in atto e attuando come si deve le varie tecniche, senza sbavature o brutture dettate dal comportamento (insicurezza, nervosismo, etc).

La concorrenza è ormai satura, tantè che il tubo è pieno di autori ASMR, e molti hanno ormai catturato gran parte dell’utenza, attirando a sé moltissimi appassionati di ASMR e lasciando poco spazio ai nuovi arrivati. Ci sono canali che attirano a sé anche 7 milioni di visualizzazioni con un solo video e hanno anche 500.000 iscritti, e il pubblico che segue il mondo ASMR non è così vasto! Anche solo un video che non offra un contenuto particolarmente “solleticoso”, può venire scartato in virtù dei numerosi video visibili che attirano l’attenzione e offrono una qualità video elevata, volti ormai conosciuti di cui ci si fida e dei contenuti solidi che danno sempre il top dell’ASMR. Ma questo non è il capitolo su come aprire e gestire un canale Youtube, né su come farsi strada per un eventuale cammino professionale. Riassumendo, sia che vogliate farlo privatamente, sia che vogliate fare video e promuovervi nella rete (con o senza un obiettivo professionale “alto”), occorre bravura, oggetti ed elementi a disposizione (e questo è il minimo, tutti hanno almeno un profumo o una spazzola, dico bene?), creatività e credibilità, oltre che un pò di soldini per permettersi l’essenziale in quanto ad apparecchiatura. Buttatevi!

5. A cosa bisogna stare attenti

Come tutte le cose del mondo, l’ASMR è nelle mani dell’uomo e la sua natura, se positiva o negativa, dipende dall’uso che ne fà l’uomo. L’ASMR è quindi una splendida soluzione che aiuta davvero, se usata bene, ma può diventare deleterio se usato male, con malizia, per scopi iniqui. Purtroppo, come tutte le cose, anche l’ASMR ha una doppia personalità, a seconda della personalità di colui che ne fa uso; personalità che puo’ conferire un identità al contenuto buona o attiva. Quella buona vi offre contenuti seri e di qualità, e nulla di ambiguo o malizioso. Quella cattiva vi offre invece una strada immorale, anarchica, abbandonata a sé stessa, piena di tentazioni maliziose di ogni genere. Ci sono persone che usano l’ASMR come trampolino di lancio per mettere in mostra il proprio corpo o per questo o quest’altro contenuto poco raccomandabile, scadendo a volte perfino nello spiritismo. State quindi attenti quando girate per la rete, attenti a cosa scrivete e taggate nella barra di ricerca. Il lupo travestito da pecorella è dietro l’angolo.

keep-calm-and-asmr

Con questo è tutto. L’ASMR è un mondo bellissimo e aiuta davvero a rilassarsi. Quando ho difficoltà a dormire, solitamente provo ad usufruire dell’ASMR tramite i video su youtube, guardando alcuni autori che ormai conosco e dei quali mi fido (alcuni italiani, altri stranieri, principalmente britannici o americani). Personalmente, a me aiuta nell’obiettivo di addormentarmi e riesce sempre a causarmi uno stato di rilassamento mentale. Arrivo realmente a provare una sensazione di relax, dolce e cullante. Anche se non lo subisco direttamente, la visione del video procura comunque dei tingles massicci, dei brividi reali, che si sentono a livello fisico realmente, come se ricevessi il trattamento dal vivo, grazie al ricavo cerebrale che viene pervenuto, lasciandoci coinvolgere. Non mi resta che augurare buon ASMR a tutti!