Benvenuti con l’appuntamento mensile riguardante i messaggi di Medugorje che ci vengono dati dalla madre di Dio. Quest’oggi, giorno di Natale, la Madonna ci ha dato due messaggi, uno a Marija e l’altro a Jacov. Qui di seguito, ecco il messaggio dato alla veggente Marija.

  • Messaggio 

Cari figli! Con grande gioia oggi vi porto mio Figlio Gesù perché Lui vi dia la Sua pace. Figlioli, aprite i vostri cuori e siate gioiosi affinché possiate accoglierla. Il cielo è con voi e lotta per la pace nei vostri cuori, nelle famiglie e nel mondo e voi, figlioli, aiutatelo con le vostre preghiere affinché sia così. Vi benedico con mio Figlio Gesù e vi invito a non perdere la speranza e che il vostro sguardo e il vostro cuore siano sempre rivolti verso il cielo e verso l’eternità. Così sarete aperti a Dio ed ai Suoi piani. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

  • Commento

Il cielo è con voi e lotta per la pace nei vostri cuori, nelle famiglie e nel mondo…

E’chiaro che non sempre viene facile capire tutto ciò che si cela dietro, o dentro, le parole che ci vengono date dalla Madonna. Quando dice che il cielo è con noi, non posso dirlo nemmeno io se si riferisce unicamente a suo figlio Gesù, o anche agli angeli o, magari, anche a tutti i santi. In ogni caso, lei dice che il cielo è con noi, quindi, evitiamo un interpretazione “materiale”, quantificata, ma piuttosto vediamola così: ognuno tra quelli che è in cielo è lieto di lottare per noi. Anche un angelo o un santo che nemmeno conosciamo. E’ bene quindi ricordare che possiamo e dovremmo fare affidamento anche ai santi e agli angeli, in aggiunta a Gesù e Maria. Sopratutto quelli la cui intercessione è più potente, come S. Michele Arcangelo o S. Francesco.

…e voi, figlioli, aiutatelo con le vostre preghiere affinché sia così.

In questo passo ci ripete un verso biblico. Aiutare il cielo con le nostre preghiere significa andare in contro a coloro che per primi vorrebbero aiutarci. Quindi, aiutati che Dio ti aiuta, dice la Sacra Scrittura. E, di seguito, preghiamo affinché il cielo aiuti, pregando coloro che per primi pregherebbero per noi. E’ una sorta di collaborazione attiva. Preghiamo e invochiamo coloro che possono e vogliono aiutare e rendiamoci aperti alla loro grazia, affinchè possiamo riceverla. Essere aperti significa non rifiutare la grazia, ma volerla con deliberato consenso. E cercare di avere un cuore quanto più pulito dai peccati per ottenerla e riceverla.

Con questo è tutto. Al prossimo messaggio. Vi auguro come sempre un buon cammino.