E’ dello scorso anno il celebre annuncio della conversione in 3D dell’immenso (e insuperato) capolavoro di James Cameron, Terminator 2, la cui uscita era stata originariamente fissata per l’estate del 2016 in modo da combaciare con il 25° anniversario di questo capolavoro. Io, personalmente, erano anni che ci pensavo, convinto che prima o poi un remaster in 3D lo avrebbero fatto e così facendo lo avrebbero riportato al cinema. Sapevo che la sorte del remaster e della conversione al 3D sarebbe toccata anche ad uno dei più grandi capolavori del 900′, così come accaduto ad altri prodotti di successo.

La scorsa estate, dopo anni passati a pensare “prima o poi, toccherà anche a T2”, ne ho avuto conferma. Ora è quindi ufficiale. James Cameron si stà occupando della conversione e del remaster digitale della pellicola che, con molta probabilità, verrà distribuita in DCP con risoluzione 4K. Tuttavia, la data di uscita originariamente prevista per lo scorso anno, è stata spostata per il 2017. E ora che il 2017 è giunto, siamo in prossimità del periodo d’uscita di questo film, che tornerà così sul grande schermo convertito in 3D, rimasterizzato digitalmente e, per la prima volta nella storia, uscirà per il mercato cinese.

terminator-2-3d
Il primo poster ufficiale rilasciato lo scorso anno tramite la pagina Facebook.

La data di uscita specifica non è stata ancora annunciata, ma è stato confermato che verrà distribuito nel periodo estivo, ufficializzando un generico summer 2017. L’uscita originale avvenuta nel 1991 saltò il mercato cinese, non ancora aperto, ai tempi, alle importazioni delle pellicole estere e di seguito chiuso al mercato cinematografico esterofilo internazionale; questa sarà di seguito la prima volta che l’audience cinese potrà godersi questo capolavoro sul grande schermo. Terminator Genesis è stato il primo Terminator ad uscire in Cina, Terminator 2 sarà il secondo.

ahnuldx-large

 

 

 

 

29 agosto 1997: Il giorno in cui Skynet divenne auto cosciente.        

29 agosto 2016: Il giorno in cui avete visto per la prima volta la nuova locandina di Terminator 2 in 3D. In arrivo nei cinema nel 2017.

Queste che ho riportato in rosso sono le prime “dichiarazioni”, per così dire, ufficiali riportate dagli addetti ai lavori. James Cameron stà lavorando in collaborazione con DMG Entertainment e Studiocanal, che supervisioneranno e produrranno la conversione. Il processo di conversione costerà 7 milioni di dollari circa. Anche se a livello finanziario non andasse come previsto, recuperare il budget sarà poca cosa. Data la previsione relativa al successo di mercato che questa release potrebbe ottenere, si suppone che il costo potrà benissimo essere recuperato e perfino centuplicato dal ricavo del solo mercato cinese, e non mancherà un planning di distribuzione mondiale che riguarderà buona parte del mondo. La Cina, con buona probabilità, ospiterà la prima mondiale e sarà il primo paese in cui verrà distribuito.

Qui di seguito riporto alcune dichiarazioni di James Cameron espresse all’Hero Complex Film Festival del 2014:

3aa05fab40491f91b9fd563e17d3156f

“Per Terminator 1 non penso che si possa fare, perche potresti fare l’upgrade al 3D ma ha una luce naturale disponibile molto sabbiosa ed è un filmmaking a basso costo. Spenderemo di più per convertirlo al 3D di quanto abbiamo speso per il film. Mi sembra un pochino sbilanciata come cosa.”

“Mentre Terminator 2 è un film molto più lucido e penso che abbia un appeal senza tempo. Se c’era qualcuno che era interessato a farlo, e se potevamo ricavarne un buon risultato in quanto a business, bhe, diciamo che non è mai stato proiettato in Cina, la quale, nei prossimi anni, sarà il mercato cinematografico più grande su scala mondiale. Ciò, da sè, può giustificare i costi di conversione che si aggirano intorno ai 6 o 7 milioni di dollari. E una re-release in 3D può attrarre alcuni spettatori nel Nord America e in Europa e poi aggiungiamoci la release cinese, che sarebbe la prima sul grande schermo (in Cina, Nd), insomma potrebbe valerne la pena.” 

terminator_2_by_disse86-d5k2tagA queste dichiarazioni, ormai passate, è seguita per l’appunto l’ufficializzazione del progetto avvenuta lo scorso anno. In qualità di mio film preferito di tutti i tempi, non vedo l’ora di poterlo vedere al cinema per la prima volta in vita mia. Personalmente è un sogno che si realizza e che fino a 5 anni fà avevo reputato impossibile. Perlomeno, fino al 2011 o 2012, non pensavo che avrebbero mai riproposto il masterpiece di Cameron al cinema. Invece, contro ogni speranza, la news dello scorso anno mi ha lasciato di stucco, facendomi salivare come non so dirvi cosa. Questa sarà la seconda volta per il film e per tutti coloro che l’hanno già visto, ma la prima per me come per moltissimi altri che non hanno potuto vederlo nel 1991. Siamo di fronte un’autentica pietra miliare, uno dei più grandi film di sempre.

Rimasterizzato digitalmente, convertito in 3D, in 2K, in 4K, in 35mm, in 70mm, in IMAX, non mi importa. Mi interessa solo che, un giorno, più avanti e più o meno verso quest’estate, potrò entrare in un qualsiasi cinema e spendere 8.50 per vedermi Terminator 2. Potrò entrare nella sala e sedermi, consapevole che da un minuto all’altro verrà proiettato il film. Potrò vedere l’indimenticabile intro con il logo di Carolco Picture mentre il tema musicale di Brad Fiedel presenta e accompagna la prima immagine. Vedrò le prime scene dei cittadini, poi il rallenty, poi l’immagine sbiadirà, si toglierà di scena, si annullerà e si presenterà così lo scenario del futuro. Sentirò la narrazione di Linda Hamilton e poi via con la migliore sequenza di guerra post-apocalittica e futuristica della storia. E poi vedrò quei lampi, quel tuono, quegli effetti sonori da brivido che non possono essere schiodati dalla mia corteccia, e infine arriverà lui. Vedrò il T-101 arrivare, issarsi in piedi, entrare nel bar, per poi salire sulla Harley-Davidson modello fat-boy con il Winchester m1887, in tutto il suo splendore. Il tutto nella sua nuova veste rimasterizzata. Che spettacolo. Terminator 2 stà tornando al cinema. E non vedo l’ora.