Messaggio del 25 maggio, l’ultimo dato in ordine cronologico. A giorni, ormai, avremo il messaggio del 2. A voi e buona lettura.

  • Messaggio 

Cari figli! L’Altissimo mi ha permesso di invitarvi di nuovo alla conversione. Figlioli, aprite i vostri cuori alla grazia alla quale tutti siete chiamati. Siate testimoni della pace e dell’amore in questo mondo inquieto. La vostra vita qui sulla terra è passeggera. Pregate affinché attraverso la preghiera aneliate al cielo e alle cose celesti ed i vostri cuori vedranno tutto in modo diverso. Non siete soli, io sono con voi e intercedo per voi presso mio Figlio Gesù. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

  • Commento 

Cari figli! L’Altissimo mi ha permesso di invitarvi di nuovo alla conversione.

Le apparizioni della Madonna sono permesse da Dio. E’ così da sempre; è Maria che chiede a Dio il permesso di apparire e il Signore, nel caso, concede la richiesta, permettendo che essa abbia luogo. Il luogo e i veggenti vengono scelti da Maria, ma il permesso di apparire viene dato dall’Onnipotente. Cio’ significa che non sapremo mai quando Dio concederà alla Madre Celeste l’ultimo permesso di apparire, di seguito non sappiamo quanto ancora la Madre di Dio continuerà ad apparirci e a stare con noi in questo modo. Ecco perchè bisogna far tesoro delle sue apparizioni e dei frutti che si ottengono per mezzo di esse, fin quando ci sarà tempo. Bisogna ascoltare la Madonna affinchè Dio continui a concederle il permesso di apparire a noi, figli suoi. Maria è stata chiara; ella continua ad ottenere questa grazia fin tanto che ci saranno persone che la seguiranno e la ascolteranno, mettendo in pratica i suoi messaggi. In caso contrario, le apparizioni termineranno.

Figlioli, aprite i vostri cuori alla grazia alla quale tutti siete chiamati. Siate testimoni della pace e dell’amore in questo mondo inquieto. La vostra vita qui sulla terra è passeggera. Pregate affinché attraverso la preghiera aneliate al cielo e alle cose celesti ed i vostri cuori vedranno tutto in modo diverso.

Maria ci dona un altro messaggio ricco, conforme alla rivelazione, semplice, da meditare. Un messaggio di cuore, non elaborato a livello teologico, che nella sua semplicità raccoglie il messaggio e l’intenzione di suo figlio. Per mezzo della preghiera si possono mettere in pratica i desideri della Madonna, le grazie spirituali e il volere di Dio. La Madonna ci dice che la vita è passeggera, che bisogna puntare all’eternità, che pur in breve tempo otterremmo (dato la brevità dell’esistenza terrena), ma per sentire tutto questo nella nostra anima, per far si che tutto ciò sia realmente percepito, ottenuto e scolpito in noi, bisogna pregare. Preghiamo e, nel tempo, se Dio vorrà, sentiremo davvero il desiderio del Paradiso. A parole non si capisce, né lo si acquisisce. Bisogna sentirlo nel cuore; come per il distacco dai beni materiali e dalla voglia di vivere sulla terra accumulando tesori e ricchezze: tutto inutile, dato che un giorno, morendo, lasceremo tutto qui e saremo soli noi, la nostra anima dinanzi a Dio, e allora sceglieremo la destinazione per l’eternità. Anche questo, così come ogni altra cosa, bisogna sentirlo nel cuore, tramite una coscienza e una consapevolezza netta e percepita dentro. A parole, non si riesce; pregando, si. Perchè è pregando che Dio ci dona poi ogni grazia, tra le quali quella di anelare alle cose del cielo, come richiesto da Maria SS., o la grazia della pace nel cuore, pur se condizionata dalla nostra imperfezione.